-->

Documenti



 
In questa sezione sono riportate fotografie, notizie e documenti inerenti a Farigliano (e non solo) collocabili nell’intero periodo bellico.




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n°1 -  Discussione al Senato, in data 6 febbraio 2006, sui crimini nazifascisti durante la II guerra mondiale. Trattasi della copia dei documenti inviati nel 1965 all’ambasciata tedesca dal governo italiano. Come si vede compaiono i fatti di Farigliano, Piozzo e Carrù.




Doc. n°2 - Elenco imputati, compare il nome di Dierich, ed a fianco “Archiviato”

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n°3 -  Il prefetto Raimoldi trasmette ai podestà della provincia un telegramma di Mussolini relativo agli sfollati. - 4 dicembre 1942 - (Archivio ISRC Cuneo)

 Ho l'onore eseguire ordine Duce trasmettere Podestà provincia seguente suo telegramma due punti Avete udito il mio appello mettetevi all'opera finché gli sfollandi abbiano la prova col minimo di burocrazia che nel tempo fascista la solidarietà Nazionale si attua in forme concrete sollecite generose... Sono sicuro che lo farete ed informatemi
                                                                                                                                             Mussolini
                                                                                                                                                              Prefetto Raimoldi


______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________




Doc. n°4 - Occorreva denunciare alloggi vuoti per sistemazione sfollati.  -  5 dicembre 1942 - (Archivio ISRC Cuneo)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________




Doc. n°5 -  La normativa sulla denuncia degli alloggi vuoti.  - 10 dicembre 1942 -  (Archivio ISRC Cuneo)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n°6 -  "Compiacimento" per assistenza e sistemazione  data agli sfollati. - 27 dicembre 1942 -  (Archivio ISRC Cuneo)

- Cuneo. Podestà. Nr. 4131 gab. Sottosegretario Stato Interni comunica che avete riferito Duce su opera svolta per sistemazione sfollati affluiti cotesto comune. Predetto sottosegretario incaricami esprimervi superiore compiacimento per assistenza data e che continuerete a dare.  
Prefetto Raimoldi. 


Qualche giorno dopo, il 4 gennaio 1943, la notizia viene riportata anche dal quotidiano La Stampa. 
Tra i vari comuni "elogiati" dal Duce compaiono Farigliano e Piozzo.

La Stampa del 4-1-1943



______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n°7 -  Nel febbraio 1943, dato che la capacità ricettiva di ogni Comune era cambiata rispetto a qualche mese prima, occorreva verificare nuovamente la disponibilità di alloggi per gli sfollati.  - 5 febbraio 1943 -
Da notare -scritto a penna- alcune località: Regione Piva, Fraz. Naviante , Via Cavour, Fraz. Mellea e relativi nominativi.   (Archivio ISRC Cuneo)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n°8 -    Telegramma della questura di Cuneo  al Comune di Farigliano.  Nei locali pubblici era  obbligatorio tenere accesa la radio durante notiziari. - 7 settembre 1944 -
(Archivio ISRC Cuneo)
  
- Cuneo. Podestà e commissari prefettizi provinciali pregasi sorvegliare perché locali pubblici tengano aperti apparecchi radio durante trasmissione radio giornale punto carico inadempienti sarà provveduto con chiusura definitiva esercizi et revoca licenza punto assicurate per lettera et segnalate telegraficamente contravventori.
                                                                        Questore Bonati 

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n°9 - I Podestà non vigilavano sulle norme vigenti circa l'abolizione nel sabato sera e nel giorno di domenica della pietanza a base di carne, pesce, uova ecc. Anzi, certi ristoranti oltre ad offrire tali pietanze, le integravano con abbondanti antipasti a base di generi razionati. L'inconveniente si verificava con più frequenza nei piccoli centri e nelle trattorie rurali. E poiché l'abuso non era ammissibile, il Prefetto Raimoldi invitava tutti gli organi di vigilanza al massimo controllo al fine di eliminare tali irregolarità.  - 1 settembre 1942 -  (Archivio ISRC Cuneo)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc.n°10 - In occasione della Pasqua 1942, erano consentiti solo spettacoli a carattere religioso. Stesso obbligo anche per i cinematografi.   -  2 aprile 1942 - (Archivio ISRC Cuneo)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n°11 -  Obbligo di tagliare stocchi di granoturco e piante simili, probabilmente in prossimità di strade,  verosimilmente per non lasciare nascondigli ai "ribelli" che avessero voluto tendere imboscate.   - 12 ottobre 1944 -  (Archivio ISRC Cuneo)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n°12 -  Nelle località in cui si trovavano reparti tedeschi, alcuni locali pubblici potevano tener aperto sino alle ore 23.   -29 maggio 1944 -  (Archivio ISRC Cuneo)

OGGETTO: Disciplina del coprifuoco nella Provincia di Cuneo

Per vostra informazione, non però perché ne sia data notizia al pubblico, rendo noto quanto comunica in Comando Militare Germanico:
""I Comandi di reparto e di presidio, in quelle località in cui si trovano temporaneamente reparti tedeschi, hanno ricevuto l'autorizzazione di permettere a un certo numero di locali pubblici (alberghi, trattorie ecc.) di tenere aperto fino alle ore 23.
Tale posticipazione dell'orario di chiusura è accordata soltanto a beneficio dei militari e non dei civili. Quando i reparti tedeschi lasciano la località per trasferirsi altrove; decade automaticamente il permesso concesso a detti pubblici locali.""
                                         IL PREFETTO CAPO DELLA PROVINCIA
                                              (Paolo Quarantotto)

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Doc. n°13 - La domanda del Comune di Farigliano, in data 27 dicembre 1970,  per ottenere la Medaglia d’Argento al Valor Militare. Non fu accolta.  - 1970 -
(Archivio ISRSC Cuneo)






La testimonianza di Rino Viotto, allegata alla domanda.




I comuni decorati in provincia di Cuneo sono i seguenti:

Medaglia d’Oro al Valor Militare
Alba, Boves e Cuneo
Medaglia d’Argento al Valor Militare
- nessuno-
Medaglia di Bronzo al Valor Militare
Castellino Tanaro, Garessio e Mondovì
Croce di Guerra al Valor Militare
Barge, Dronero, San Damiano Macra e Villanova Mondovì

Medaglia d’Oro al Valor Civile per atti di abnegazione durante il secondo conflitto mondiale
Boves e Dronero
Medaglia d’Argento al Valor Civile per atti di abnegazione durante il secondo conflitto mondiale
Busca, Ceva, Cherasco, Clavesana, Costigliole Saluzzo, Peveragno, Trinità e Venasca
Medaglia di Bronzo al Valor Civile per atti di abnegazione durante il secondo conflitto mondiale
Paesana, Narzole, Savigliano e  Rossana



_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Primi fascisti di Farigliano  (1924)

                                              Doc. n° 13/a  Primi fascisti di Farigliano



_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Campo di aviazione di Airasca
Bundesarchiv Bild 101I-478-2174-19A  Foto: Rieder, Fred, 1944

Campo di aviazione di Airasca
da: : Il campo d'aviazione di Airasca : vicende e memorie storiche 1936-1945, F. Pedriali, Pinerolo, 2004


Doc. n° 14 - Nelle due foto, il campo di aviazione di Airasca, base di partenza del reparto del ten. col. Dierich.
I tedeschi lo occupano nel 1943  e risistemano il fondo della pista, una sorta di lungo parquet di legno con sottili scanalature che servivano a far velocemente defluire l’acqua piovana. Il parquet era posato sopra una base di sabbia e ciottoli, e in caso di danneggiamenti da parte di attacchi nemici era facilmente sostituibile con altre pedane.


_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n°15 - La relazione di Mauri inviata al CLN, riguardante le attività svolte dai suoi uomini nel periodo 1 luglio – 16 agosto 1944.  A differenza di quella pubblicata nel capitolo "...cause", alla data del 5 luglio, non viene segnalata la rappresaglia a Farigliano e Piozzo.
[Istoreto, Archivio originario, b. B 45, fasc. b, sottofasc. b’’]  qui da www.70resistenza.it








_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n° 16 - Il CLN segnala al Maggiore Mauri una banda denominata “Lulù” che si trova nella zona controllata dagli Autonomi. La formazione non è regolare se non è riconosciuta dal C.M.R.P. (Comitato Militare Regionale Piemontese).   -   20 settembre 1944 -
                                                                                                                 



La risposta di Mauri, il quale informa  il Comando che la squadra  Lulù ( 10 uomini) è passata alle sue dipendenze.  - 20 ottobre 1944 -

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n°17 - Alcuni documenti e fotografie inerenti al bombardamento del ponte ferroviario di Cherasco avvenuto il 30 luglio 1944. (da 320th.org)
I  B26 del 320th Bomb Group (gruppo di bombardamento dell’aviazione americana) partirono dalla base di Decimomannu in Sardegna e sorvolarono la costa ligure e quindi anche la provincia di Cuneo, passando “sopra” proprio a Farigliano.
Come si può leggere dalle relazioni, i bombardieri partiti erano 24, di cui 3 tornarono indietro causa avarie, i 21 arrivati sull'obiettivo sganciarono, alle ore 11.14,  84 bombe da 1000 libre. Sorvolando le Langhe, tra  le varie annotazioni, osservavano:
-          un deposito rifornimenti, 1 miglio a nord di Dogliani
-          alle ore 11.16, un treno fermo nella stazione di Carrù composto da 15 vagoni


Bombardamento del ponte ferroviario di Cherasco - 30 luglio 1944 -


Al punto (6): Supply dump 1 mile North of Dogliani


Al punto (6): Train of 15 cars, stationary, facing South at Carru at 11,16 hours
Al punto (10): 15 RR cars at Carru


Il Maggiore William Cook, firmatario della relazione

B26 in decollo dalla base di Decimomannu in Sardegna
B26 in decollo dalla base di Decimomannu in Sardegna. Molto probabilmente tre di questi, contrassegnati con il numero 97-88-77 sono gli stessi che sorvolarono Farigliano nella missione del 30 luglio, come si può osservare dal documento sottostante  dove compaiono i 24 equipaggi.

I 24 equipaggi partiti dalla base di Decimomannu in Sardegna




Quartetto di ufficiali: Whizzer White, Bobbie Powers, Pete Peters e Mac McBride
Due di questi ufficiali, Powers e Peters, erano a bordo del bombardiere n°88 che il 30 luglio 1944 sorvolò Farigliano.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n°18 - Presenza del Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien  in provincia di Cuneo nell'estate del 1944.
(Banca dati di Carlo Gentile)


Località
Pro
Reg
G.U.
Reparto
No
Btl
Kp
Inizio
Fine
Fonti
Barge
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
01.07.44
R 70 Italien/29, 41
Barge
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
01.07.44
R 70 Italien/29, 47
Barge-Paesana-Calcinere
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
02.07.44
R 70 Italien/29, 41
Bene Vagienna
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
31.07.44
R 70 Italien/29, 47
Carrù
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
06.07.44
R 70 Italien/29, 41
Cartignano-San Damiano
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
Stab
30.07.44
R 70 Italien/29, 45
Dogliani
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
06.07.44
R 70 Italien/29, 47
Dogliani
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
06.07.44
R 70 Italien/29, 41
Dogliani
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
06.07.44
08.07.44
R 70 Italien/29, 38b
Dronero
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
26.07.44
R 70 Italien/29, 47
Fossano
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
06.07.44
R 70 Italien/29, 41
Levaldigi-Fossano-Farigliano
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
Stab
02.07.44
05.07.44
R 70 Italien/29, 45
Melle
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
21.08.44
R 70 Italien/29, 47
Oncino
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
02.07.44
R 70 Italien/29, 47
Orbassano
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
17.07.44
R 70 Italien/29, 41
Paesana
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
01.08.44
R 70 Italien/29, 41
Piasco
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
10.07.44
R 70 Italien/29, 47
Piasco
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
13.07.44
R 70 Italien/29, 47
Piasco
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
11.07.44
R 70 Italien/29, 47
Piasco
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
21.07.44
R 70 Italien/29, 41
Revello
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
25.07.44
R 70 Italien/29, 47
Rossana
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
12.07.44
R 70 Italien/29, 47
San Damiano
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
30.07.44
R 70 Italien/29, 47
Sant'Albano
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
Stab
08.07.44
R 70 Italien/29, 45
Trinità
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
Stab
08.07.44
R 70 Italien/29, 45
Varaita-Tal
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
23.07.44
R 70 Italien/29, 47
Varaita-Val
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
21.07.44
R 70 Italien/29, 41
Varaita-Val
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
21.07.44
R 70 Italien/29, 47
Varaita-Val
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
20.07.44
R 70 Italien/29, 47
Varaita-Val
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
18.07.44
R 70 Italien/29, 47
Varaita-Val
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
15.07.44
R 70 Italien/29, 47
Venasca
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
09.07.44
R 70 Italien/29, 47
Venasca
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
11.08.44
R 70 Italien/29, 47
Venasca, N
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
I
11.08.44
R 70 Italien/29, 41
Verzuolo
CN
Piem
LW
Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien
-
24.07.44
R 70 Italien/29, 47


Abbreviazioni:

LW = Luftwaffe, Aeronautica
Btl = Battaglione
Kp = Compagnia
Stab = Comando


Come si può notare  da questo elenco, la fonte dove è citato il "Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien" è sempre la medesima: R 70 italien/29.
Riporto due  brevi passi di Carlo Gentile:  

- “Degno di nota è il fondo R 70  Polizeidienststellen in Italien, in breve R 70 Italien, che conserva materiali dei comandi di polizia e SS di stanza nel nostro paese”  
-  “Tra la lacunosa documentazione dei comandi e unità SS e di polizia in Italia (R 70 Italien) si trovano invece materiali più importanti, tra i quali sono da segnalare le «proposte per il conferimento di decorazioni al valore». In esse, oltre ai precisi dati anagrafici del ricevente, si trovano il testo originale della motivazione, con una sommaria descrizione degli atti di valore o dei meriti che hanno portato alla proposta. Le proposte sono documenti di importanza fondamentale per la ricostruzione delle attività, degli schieramenti e degli organici delle forze di polizia a livello locale”.
(Carlo Gentile, Le stragi nazifasciste in Toscana 1943-45  4. Guida archivistica alla memoria. Gli archivi tedeschi, Carocci Editore – Regione Toscana, 2005, pp. 16-53)

Grazie alla minuziosa ricostruzione delle fonti effettuata da Gentile si è riusciti a ricostruire la situazione generale dell’occupazione tedesca in Italia, ed in questo particolare caso, gli spostamenti   del  Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien nel 1944, infatti all'interno del fondo R 70 italien : Polizeidienststellen in Italien  (Uffici di polizia in Italia), Höchster SS- und Polizeiführer in Italien (capo supremo delle ss  e della polizia in Italia) (Karl Wolff), si trova il fascicolo che interessa noi: R 70 italien/29, dal titolo “Decorazioni per soldati di varie unità". In questo documento si trovano nomi di soldati premiati per atti di valore, le motivazioni  e ovviamente il luogo (o la zona)  dove si è svolto il fatto. Dai dati anagrafici del ricevente si è risaliti al reparto e quindi a mappare i vari spostamenti; la qual cosa sarebbe stata impossibile seguendo i normali carteggi tedeschi, dato che questi reparti rastrellatori poco o nulla lasciavano di scritto. 

Specchietto riepilogativo del fascicolo R 70-italien/29
(www.bundesarchiv.de)

Karl Wolff, generale delle Waffen-SS in Italia

------------------------

R70 italien/29  45
Questa è la pagina 45 del fascicolo R70 italien/29, in sostanza è la conferma che gli uomini di Dierich, il 5 luglio 1944 si trovavano a Farigliano. Si tratta della proposta di conferimento del Bandenkampfabzeichen di bronzo (distintivo per la lotta contro i partigiani) al sergente Peter Gaudernak nato il 26-05-1918 ad Hambergen nel Nord della Germania e facente parte proprio del Luftwaffen-Sicherungs-Regiment Italien. Tale distintivo in bronzo veniva consegnato a chi aveva combattuto almeno venti giorni contro i "ribelli", infatti si possono notare i venti kampftage (giorni di combattimento) ed alla seconda giornata: 
"5.7.44  Angriff aus Raum Levaldigi über Fossano nach Farigliano".
[ Attacco dalla zona di Levaldigi su Fossano e poi Farigliano].

                                                                                                 In Aggiornamento...

Un grazie particolare al professor Carlo Gentile dell'Università di Colonia per aver messo a mia disposizione questo documento e datomi la possibilità di pubblicarlo.




_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n°19 - I tre partigiani caduti nell’azione di Belvedere Langhe il 4 luglio 1944.




_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Doc. n°20  Coprifuoco a Mondovì - 18 settembre 1943 -


Doc. n°21  Un anno dopo il coprifuoco aveva inizio alle ore 18.   - 11 novembre 1944 - 
 ACM ( Archivio Comunale Mondovì)

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Doc. n° 22   Lettera del vescovo di Mondovì, Sebastiano Briacca, al ten. col. Dierich.
(Una copia è presente nell’ archivio Comunale di Mondovì. Qui tratta da: Giuseppe Germanetti, Trinità 1944-1945, Diario di  Michele Vaira, 2005, pag.71)





La risposta dell'ufficiale tedesco


L’originale della lettera in lingua tedesca è conservato nell’Archivio Vescovile di Mondovì, Carte Briacca, Guerra 1940-1945

Qui tratta da: Giuseppe Griseri, Il Monregalese durante l’occupazione tedesca e alleata, p.185
Griseri pone come firma in calce Sieine, ma si tratta senza ombra di dubbio di Fritz Herbert Dierich, come mi ha confermato Carlo Gentile: la firma di Dierich  apposta anche su altri documenti d’archivio, se letta  senza conoscere il corsivo tedesco, ricorda la parola Sieine.


_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Doc. n° 23 -  In occasione del secondo anniversario dell'incendio di Farigliano, l'avvocato Camillo Piacenza ricordava così, sul settimanale La Vedetta, quella triste giornata.
(La Vedetta, 12 luglio 1946)







______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. N° 24 - Un breve articolo su Farigliano apparso il 1 febbraio 1946 su La Vedetta. Non è firmato.




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n°25  -  Articolo apparso su l'Avanti  del 28-06-1945 che ricorda l'eccidio di Ceresole d'Alba.


______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________



Doc. n°26 -   Sicherungs-Regiment der Luftwaffe Italien
                         Foto tratte da Feldgrau Gruppe












4 commenti:

  1. Bella ricerca, complimenti, molto interessante il documento sul bombaramento, grazie al link ho trovato anche quello di Lesegno.
    Gianni Comino

    RispondiElimina
  2. Bravo Carlo, interessante lavoro. Continuo a seguirti e se non ti dispiace Condivido qualcosa sui Testimoni della Memoria.Buon Cammino.

    RispondiElimina